Claudio Rancati

Sono fotografo professionista, autore di reportage sociali, eventi e industriali, di immagini artistiche e commerciali.

L’interesse culturale e naturalistico per la provincia di Piacenza, città in cui sono nato, nel 2004 mi ha avvicinato al mondo della fotografia.
Iniziai la mia attività come paesaggista per implementare l’archivio fotografico di un sito web di promozione territoriale.

La storia, i racconti e gli aneddoti che appresi dai miei studi, combinati a una o più immagini, mi fecero coinvolgere dalla forza narrativa insita al reportage fotografico, genere che seguo con grande dedizione e che dal 2014 mi ha portato a collaborare con un’agenzia fotografica d’informazione inglese e a realizzare diversi lavori.

Nel 2012 Ho contribuito come fotografo di scena al documentario sociale
“Il Paese nela Città”, selezionato successivamente per gli archivi della Università degli Studi di Milano al Docucity FIlm Festival.
Nel 2015 ho collaborato con l’associazione QU.EM con fotografie del concerto “Da Theresienstadt a Lampedusa!“ di Gottfried Wagner (pronipote di Richard Wagner) e ho partecipato a Expo Arte Italiana contemporanea a cura del critico d’arte Vittorio Sgarbi con l’opera “Luna in Val Nure” esposta a VIlla Bagatti-Valsecchi (MB).
Nel 2016 ho pubblicato il libro fotografico “Le Valli del Tempo”, ode all’appennino e alcune mie immagini sono state pubblicate sul libro
“A cena in RSA: nutrizione, gusto, cultura” con prefazione del dott. Umberto Veronesi. Al libro “Le Valli del Tempo” segue una serie di 4 esposizioni avvenute tra Piacenza e Lodi e a Palazzo Gotico di Piacenza espongo immagini della Lettonia sul tema “Umana DIgnità”.
Nel 2017 ho iniziato il progetto “Confini”, del quale alcune opere sono già visibili sul sito del network e magazine LensCulture.

Pagina web:
www.clrancati.com